Trattamento della coxartrosi (osteoartrite dell'articolazione dell'anca)

Confronto tra un'articolazione sana e l'artrosi

La coxartrosi è una malattia delle articolazioni dell'anca causata da cambiamenti nella struttura dei tessuti al loro interno. La malattia ha un altro nome: artrosi dell'articolazione dell'anca o artrosi.

La coxartrosi è una complessa malattia degenerativa-distrofica causata da alterazioni del tessuto cartilagineo dell'articolazione. Il tessuto cartilagineo non può riprendersi dopo che la formazione dello scheletro umano è stata completata, quindi qualsiasi danno influenzerà lo stato del tessuto in futuro. La condizione della cartilagine è influenzata anche dal liquido sinoviale, che assume la funzione di tessuto lubrificante. A causa della lubrificazione insufficiente e dell'aumento dell'attrito, la cartilagine articolare si assottiglia e si consuma completamente nel tempo. La mancanza di cartilagine porta ad un aumento dello stress sulla superficie ossea, si verifica attrito tra le ossa e questo porta a un cambiamento nella loro forma e posizione, fino alla comparsa della sindrome del dolore.

Molto spesso, le persone soffrono di coxartrosi in età avanzata, poiché le funzioni del tessuto cartilagineo sono state perse in questo momento.

Tipi di coxartrosi

In medicina si distingue tra coxartrosi primaria e secondaria.

Nel caso primario, le cause della malattia non sono chiare.

Lo sviluppo della coxartrosi secondaria è influenzato dai seguenti motivi:

  • ottenere varie lesioni e fratture;
  • difetti congeniti nell'articolazione dell'anca (lussazione congenita dell'anca);
  • la presenza di processi infiammatori nell'area dell'anca;
  • artrite reumatoide (una malattia del tessuto connettivo che distrugge la cartilagine articolare);
  • necrosi asettica della testa del femore (morte della testa del femore).

Fasi della coxartrosi

Nella pratica medica ci sono 4 fasi della coxartrosi:

Fase 1

È caratterizzato dalla comparsa di dolori articolari intermittenti. Il dolore compare all'inizio dei movimenti dopo uno stato di riposo, ma scompare alla ripresa dell'attività vigorosa. Non c'è dolore in uno stato calmo. La mobilità delle articolazioni non è compromessa. Alla radiografia sono visibili escrescenze ossee insignificanti e un leggero restringimento dello spazio articolare.

Livello 2

L'inizio del dolore con attività fisica moderata, così come a riposo. La comparsa di zoppia con camminata prolungata. Sensazioni dolorose possono verificarsi nel ginocchio e nella parte bassa della schiena. Spettacoli radiografici: cambiamenti nella forma della testa del femore, irregolarità del contorno osseo, ispessimento del collo osseo, crescita significativa delle ossa tissutali, restringimento dello spazio articolare di 2 volte.

livello 3

Indipendentemente dall'attività fisica, ci sono sensazioni dolorose costanti sia nello stato attivo che in quello calmo. Il dolore può causare insonnia. A causa della mobilità limitata delle articolazioni, la persona è costretta a camminare con un supporto. La radiografia mostra un aumento significativo della larghezza del collo osseo e una diminuzione della sua lunghezza rispetto alla norma, deformazione della testa del femore. Lo spazio articolare è praticamente assente. La condizione fisica è severamente limitata. Il paziente può essere riconosciuto come disabile.

Livello 4

Il paziente prova dolori atroci a riposo. Ogni movimento provoca dolore selvaggio, il paziente non può muoversi con il supporto (stampelle, bastoni). Il metodo di trattamento della coxartrosi è solo operativo.

Cause di coxartrosi

L'insorgenza della coxartrosi è influenzata da molte ragioni, ma la più importante è il disturbo circolatorio nell'area dell'anca. La circolazione sanguigna scorretta rallenta il metabolismo delle articolazioni, che porta ad una graduale atrofia dei muscoli delle gambe.

Altre cause di coxartrosi sono:

  • stile di vita sedentario;
  • Microtraumi che non causano dolore nel paziente;
  • disturbi endocrini;
  • cambiamenti legati all'età nelle superfici articolari;
  • aumento dello stress sulle articolazioni (più spesso riscontrato negli atleti);
  • processi infiammatori e infettivi nelle articolazioni;
  • Patologia del piede (piede piatto) e della colonna vertebrale (scoliosi);
  • Obesità (aumento dello stress sull'articolazione dovuto al sovrappeso) e altri motivi.

Tenendo conto dello stato di salute dell'intero organismo, le cause esatte della malattia vengono determinate per un paziente specifico.

Sintomi di coxartrosi

La cosartro colpisce uomini e donne dopo i 40 anni. Le donne hanno più sintomi di dolore.

I segni di coxartrosi sono:

  • dolore all'articolazione dell'anca (si verifica regolarmente, dolore per natura);
  • andatura irregolare e instabile (zoppicando);
  • la comparsa di uno scricchiolio nell'articolazione;
  • la mobilità della gamba infortunata è limitata (nella fase iniziale si possono avvertire pesantezza e rigidità nei movimenti, stanchezza, malessere generale);
  • la comparsa di atrofia muscolare della coscia (il volume e il tono dei muscoli cambiano, causando dolore al ginocchio).

Diagnosi di coxartrosi

Per fare la diagnosi di coxartrosi, è necessario eseguire procedure diagnostiche:

  • Visita del paziente da parte di uno specialista;
  • Condurre esami del sangue generali e biochimici (consente di identificare i processi infiammatori e distinguere l'artrite dall'osteoartrite);
  • Raggi X (per rilevare danni e cambiamenti nel tessuto osseo);
  • Risonanza magnetica dell'articolazione (rileva piccoli cambiamenti nel tessuto cartilagineo).

Trattamento della coxartrosi

Per curare la malattia, gli specialisti usano procedure mediche e farmaci.

I metodi di trattamento della coxartrosi includono:

  • Ginnastica terapeutica e massaggio;
  • Fisioterapia;
  • Ozonoterapia;
  • crioterapia;
  • farmaco;
  • trattamento chirurgico, ecc.

Nelle cliniche specializzate, viene selezionato un programma di trattamento della coxartrosi individuale per ciascun paziente, tenendo conto della loro età, delle malattie concomitanti e dello stadio della coxartrosi. Un approccio individuale contribuisce al recupero più rapido possibile del paziente.

Ginnastica terapeutica e massaggio

L'esercizio rafforza i muscoli e migliora la circolazione sanguigna. L'esercizio mattutino non solo sveglia il corpo dopo il sonno, ma solleva anche il liquido sinoviale dalle parti inferiori dell'articolazione. Il liquido sinoviale lubrifica la cartilagine con nutrienti essenziali che aumentano la resistenza della cartilagine allo stress durante il giorno.

Tuttavia, con la coxartrosi, il movimento dovrebbe essere selezionato correttamente. I movimenti troppo bruschi e vigorosi possono portare a forti dolori e lesioni all'articolazione. Si consiglia di andare in piscina perché il nuoto rafforza i muscoli, allevia lo stress sull'articolazione e non provoca lesioni.

Il massaggio per la coxartrosi è un metodo molto efficace e sicuro. Migliora la circolazione sanguigna, rinforza i muscoli, allevia i crampi dolorosi, il gonfiore e la tensione muscolare. Il massaggio dell'articolazione dell'anca, della zona lombare e della zona lombare rilassa i muscoli, che distribuiscono il liquido sinoviale nella cartilagine.

Fisioterapia

La fisioterapia combina diversi metodi:

  • Elettroterapia;
  • Terapia UHF;
  • Terapia ad ultrasuoni;
  • Laserterapia;
  • Terapia con paraffina, ecc.

Tutte queste procedure hanno lo scopo di migliorare la circolazione sanguigna, alleviare i crampi e l'infiammazione poiché l'accesso all'articolazione dell'anca è limitato.

Farmaco

Esistono molti farmaci che hanno diverse funzioni nel trattamento della coxartrosi:

  • Farmaci topici(Unguenti, impacchi, lozioni). Sotto l'influenza della pubblicità, la maggior parte dei pazienti pensa che il trattamento con vari unguenti e creme sia il modo più efficace. Tuttavia, questo è un equivoco, poiché le proprietà medicinali di tali farmaci, a causa della loro posizione profonda, non sono in grado di raggiungere l'articolazione dell'anca. Aiutano solo a migliorare temporaneamente la circolazione sanguigna e ad alleviare i crampi. Le cause della coxartrosi non vengono eliminate e la malattia si sviluppa gradualmente in uno stadio più complesso.
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei. . . Sono usati per eliminare l'infiammazione, alleviare il gonfiore e il dolore. Come risultato dell'uso a lungo termine di farmaci non steroidei, si verificano effetti collaterali che hanno un effetto negativo sugli organi interni (gastrite). Questi farmaci non riparano la cartilagine, necessaria per il corretto funzionamento delle articolazioni.
  • Rilassanti muscolari(Farmaci che rilassano i muscoli). Migliora la circolazione sanguigna, allevia la tensione muscolare intorno all'articolazione. L'effetto dei farmaci è temporaneo, le funzioni delle articolazioni non vengono ripristinate.
  • Farmaci steroidei ormonali. . . Le iniezioni di ormoni intra-articolari aiutano con condizioni di comorbidità come l'infiammazione dei tendini del femore. Hanno effetti collaterali e un breve effetto terapeutico.
  • Farmaci vasodilatatori. . . Sono usati per rilassare i muscoli lisci dei vasi sanguigni, allargare il lume tra di loro, alleviare il dolore nei piccoli vasi e liberarsi del dolore notturno. E i farmaci vasodilatatori migliorano anche la circolazione sanguigna nelle articolazioni e aiutano nell'apporto di sostanze nutritive necessarie per il tessuto cartilagineo. Se usati correttamente, i vasodilatatori hanno un effetto terapeutico significativo. Tuttavia, l'efficacia del trattamento è influenzata dalla tolleranza individuale del farmaco.
  • Condroprotettore(Farmaci che ripristinano la cartilagine). Sono i farmaci moderni più efficaci, poiché influenzano il ripristino del tessuto cartilagineo e gli forniscono le sostanze necessarie. L'uso regolare di condroprotettore consente di fermare lo sviluppo della coxartrosi. Nel tempo, appare un risultato positivo e, dopo la fine dell'assunzione del farmaco, il processo di ripristino della cartilagine continua.

Trattamento chirurgico della coxartrosi

Con una significativa distruzione del tessuto cartilagineo, l'impossibilità del suo ripristino e l'immobilità delle articolazioni, si ricorre all'intervento chirurgico. In alcuni casi, la sola chirurgia è l'unico modo per ripristinare la capacità di camminare senza dolore di una persona.

L'endoprotesi è un'operazione in cui l'articolazione interessata viene rimossa e sostituita con un analogo artificiale chiamato endoprotesi. L'endoprotesi assomiglia a una vera articolazione nella sua forma, svolge tutte le funzioni di un'articolazione e resiste a carichi pesanti quando si cammina, si corre, ecc.

Durata della vita dell'endoprotesi

Come ogni altra cosa, l'endoprotesi ha una sua durata. L'usura dell'endoprotesi dipende dal carico e dalla mobilità. Il sovrappeso aumenta notevolmente lo stress e la vita utile della protesi è di circa 10 anni. Con stress e mobilità moderati, l'endoprotesi durerà circa 15 anni. E ci sono anche modelli di protesi, la cui durata è di 20-25 anni, ma il cui principale svantaggio è il suo costo elevato.

Dopo l'usura dell'endoprotesi, è necessario eseguire una seconda operazione per sostituirla. Tuttavia, la sostituzione della protesi è resa più difficile perché l'osso iliaco diventa più sottile nel tempo e c'è un problema con il fissaggio della protesi. Per evitare endoprotesi ripetute, è quindi necessario utilizzare metodi di trattamento conservativo il più a lungo possibile.

Dovrebbero essere menzionati i rischi della sostituzione dell'anca: il numero di decessi dopo l'operazione è dell'1-2%.

Riabilitazione dopo endoprotesi

L'intervento di sostituzione articolare è piuttosto difficile e richiederà tempo per recuperare la mobilità perduta. Il periodo di recupero include metodi che rafforzano il corpo: massaggi, ginnastica ed esercizi di respirazione. È necessario aumentare gradualmente il volume e la complessità dei carichi in modo che il corpo si abitui a tutti i cambiamenti.

Mangiare una dieta sana accelera anche il processo di guarigione. Si consiglia di includere nella dieta alimenti ricchi di fosforo e fosfolipidi, poiché le loro proprietà aiutano a ripristinare il tessuto cartilagineo.

La fase di riabilitazione dura circa 6 mesi. Il paziente è sotto supervisione in ospedale entro 5-10 giorni. Quindi viene eseguito un complesso di misure riabilitative volte a rafforzare i muscoli dell'anca. Il paziente deve prima camminare con le stampelle, poi con un bastone e infine da solo senza assistenza.

Al termine del periodo di riabilitazione, il paziente ritrova la capacità lavorativa perduta e la gioia di camminare facilmente!

Prevenzione della coxartrosi

Per prevenire la coxartrosi è necessario:

  • aderire a uno stile di vita attivo (fare esercizi mattutini, fare brevi passeggiate);
  • non praticare sport professionistici;
  • mangiare una dieta equilibrata, poiché ciò contribuirà a evitare l'aumento di peso, che metterà ulteriore stress sulle articolazioni;
  • Dopo 40 anni, prendi un regime di condroprotettore ogni 1-2 anni (se hai una predisposizione familiare alla coxartrosi o lesioni articolari).